RSS

Condominio, presunzione, limiti, parcheggio, riserva, compravendita, precisazioni. Cassazione civile, sez. II, sentenza 10.01.2011 n. 346

14 Mar

La presunzione di condominialità di cui all’art. 1117 c.c. postula la destinazione delle cose elencate in tale norma al godimento o al servizio del condominio, mentre viene meno allorchè si tratti di un bene dotato di propria autonomia ed indipendenza e pertanto non legato ad una destinazione di servizio rispetto all’edificio condominiale, in quanto, non trattandosi di presunzione assoluta, essa rimane vinta dalla destinazione particolare cosi come da un titolo contrario.
In tema di contratto di compravendita di immobili cui sia stata illegittimamente sottratta la superficie destinata “ex lege” ad area di parcheggio, l’integrazione del contratto di compravendita parzialmente nullo – che si attua mediante il riconoscimento del diritto d’uso in favore dell’acquirente, ed il corrispondente riconoscimento del diritto al corrispettivo in favore dell’alienante – avviene, quanto, in particolare, al riconoscimento del corrispettivo, “ope legis” quanto all”an”, ed “ope iudicis” con riferimento al “quantum” (ove sorga contestazione sul soggetto titolare dell’attribuzione ovvero sull’ammontare della liquidazione), con la conseguenza che, in quest’ultimo caso, il riequilibrio “ope iudicis” del corrispettivo originariamente pattuito ben può avvenire in un separato giudizio.

 

Tags: , , , , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

 
%d bloggers like this: